mercoledì 16 novembre 2016

Push-up per scrittori

Esercizi per risvegliare la creatività e la voglia di scrivere



Avete mai sperimentato problemi a trovare nuove idee, blocchi dello scrittore, difficoltà nel continuare una scena o un libro?
Vi è mai capitato di trovarvi in difficoltà con quello che state scrivendo?

Immagino di sì.

Ho due notizie positive per voi.

La prima è che non si tratta di nulla di grave, è successo a tutti prima o poi e molti grandi scrittori devono combattere ogni giorno con questi problemi.

La seconda è che ci sono delle ottime soluzioni.

Cosa sono creatività e voglia di scrivere

Cosa sono nessuno lo sa realmente.
Sono stati fatti mille ipotesi e mille tentativi di individuarle scientificamente.
Il punto realmente importante è che non importa cosa siano, importa come potete immaginarvele.

Una mia professoressa (di lettere) una volta, discutendo delle capacità di comprensione delle persone, disse che il cervello era un muscolo.
Ovviamente io (secchione occhialuto) ho subito puntualizzato che il cervello non è affatto un muscolo.
Mi ha guardato, ha fatto un mezzo sorriso e mi ha risposto “Sì, per la scienza non è un muscolo ma le persone dovrebbero pensarlo come tale se vogliono usarlo efficacemente”


Ebbi una stupenda illuminazione.

La stessa che propongo a voi ora

La creatività e la voglia di scrivere sono muscoli!



Fate un respiro, fatene un altro.

Ok, lo so, non è vero. Non sono affatto muscoli come li conosciamo noi.

Però hanno due caratteristiche simili.
  • Se non le usate si atrofizzano.
  • Per svilupparle serve allenarle.

Tanti, troppi scrittori fanno tutto tranne scrivere e poi sperimentano problemi come il blocco dello scrittore, difficoltà nel gestire le scene, difficoltà con i dialoghi, difficoltà con lo show don't tell (ne parleremo in un prossimo articolo) e via dicendo.

Vi è mai capitato?
Sono quasi certo di sì, è successo a me e a tutti gli scrittori che ho conosciuto.
Non è grave... è più una dipendenza.

Naturalmente ci sono mille ottimi motivi per non avere il tempo di scrivere, soprattutto se non è il proprio lavoro ma solo un grande desiderio.

In questi giorni si sta svolgendo il NaNoWriMo.
Tutti i partecipanti hanno difficoltà nel mantenere il ritmo.
Alcuni hanno praticamente finito, alcuni sanno che non ci arriveranno mai.
Il problema è lo stesso: mancanza di disciplina.

Come si sviluppa un muscolo?

Torniamo a noi, come si sviluppa un muscolo?
Questa è una domanda facile, con l'allenamento.

ok, direte voi, però per un muscolo vero è facile. Se voglio sviluppare le gambe corro, per le braccia faccio sollevamento pesi, per la pancia faccio piegamenti e via dicendo.

Ma qui si parla di creatività e voglia di scrivere, mica di un muscoletto facilmente individuabile con un dito.

Eppure...
Se ci pensate bene la soluzione è la stessa.
Bisogna allenarsi.
Solo che bisogna usare gli esercizi corretti.

Quali?

Quali sono gli esercizi ideali per sviluppare creatività e voglia di scrivere?

Ci sto lavorando da anni.
Ci sono almeno mille milioni di milioni di esercizi possibili.
Se cercate su un motore di ricerca con la parola "esercizi scrittura" trovate centinaia di migliaia di siti e articoli.
Sono tutti validi?
No!
Molti sicuramente sì, la maggior parte no.
Sapete perché?
Perché non sono stati strutturati nel modo giusto.

Qualcuno potrebbe dirvi che la cosa giusta è scrivere tutti i giorni.
Vero.
Ma scrivere quanto? Scrivere cosa? Scrivere come? Non ve lo sanno dire, farfugliano qualcosa sulla qualità che viene con il tempo (falso) e poi cambiano discorso.
Qualcuno potrebbe dirvi che bisogna allenarsi ad avere idee tutti i giorni.
Vero.
Ma avere idee come? Avere idee su cosa? Avere idee quali? Anche qui farfugliano qualcosa sul tempo e poi cambiano argomento

Ma tranquilli, a tutto c'è una soluzione.

Ci ho messo almeno 10 anni a trovarla e alla fine una possibile soluzione l'ho trovata, la sto applicando da almeno un paio di anni su di me e su un gruppo di amici e sta dando dei risultati notevoli.
Volete conoscerla?

Certo che si altrimenti che vi sareste letti più di 600 parole a fare?

Esercizi

Ecco a voi gli esercizi da fare ogni giorno per sviluppare la creatività e la voglia di scrivere e sconfiggere tutti i problemi della scrittura (tranne quello dello scrivere cose interessanti ^__^)

  1. Haiku
  2. Sinossi in 15 parole
  3. Storia in 6 parole
  4. Story cubes
  5. Calendario dei lavori.


"yè lái fēng yǔ shēng" means "I heard the sound of wind and rain throughout the night."
Haiku
L'Haiku è un componimento composto da tre versi per complessive diciassette more (che non sono proprio uguali alle sillabe)
In realtà io uso gli haiku perché mi piacciono (e raramente scrivo haiku standard) ma una qualsiasi poesia di 3-4 versi possibilmente in rima va benissimo, non deve necessariamente essere un haiku.
Perché è importante?
L'esercizio è importante perché insegna a creare e trasmettere immagini/sensazioni/concetti in un modo strutturato e diverso da quanto facciamo di solito. La brevità aiuta nell'imparare a trasmettere concetti con poche e essenziali parole.



Sinossi in 15 parole
Si tratta proprio di descrivere in una o due frasi un intero progetto, con i protagonisti, l'ambientazione, l'inizio e la fine.
Non è facile, non lo è affatto ma è fondamentale per focalizzare i punti essenziali.
Consiglio di seguire le recensioni in una frase del New York Time
ok, vi concedo anche più parole, non è fondamentale siano solo 15 ma meno sono meglio è.
Perché è importante?
È importante perché insegna la sintesi delle storie. Riuscire a condensare in pochissime parole un intero romanzo aiuta a venderlo, aiuta a focalizzarlo, aiuta a comprendere quali sono i punti essenziali e non diventare dispersivi.



Storia in 6 parole
Ve le ricordate? Sono storie complete in 6 parole.La più famosa di tutte è certamente quella di Hemingway "For sale: baby shoes, never worn,”
C'è un intero mondo di autori di storie in 6 parole.
Per l'italiano io dico sempre che fino a 10 è accettabile
Seguite il mio account twitter, quasi ogni giorno ne propongo una. Oppure l'hashtag #sixwordstory e l'account di writerly
Perché è importante?
Fa coppia con la sinossi in 15 parole e la completa.
Non si tratta di scrivere una sinossi ma proprio una storia. Deve avere un senso, deve dare una impressione, creare una immagine, strappare un sorriso, fare paura. Deve essere una storia di senso compiuto, fatta e finita. Riuscire a creare una immagine in così poco spazio è un esercizio potentissimo per la propria creatività.


Story cubes
Fin'ora era tutto molto semplice ora passiamo alle cose difficili e iniziamo con un gioco.
Gli story cubes sono nati per il gioco e sono degli strumenti per creare delle piccole storie mettendo insieme degli elementi casuali (tirando appunto dei dadi).
Il più famoso è il Rorys' Story Cubes che ha anche una ottima app
Ne esistono molti altri, se cercate sul google play ne potete trovare decine.
Non importa quale usiate, non importa neppure che siano realmente dei dadi, quello che conta è che sia un modo per creare una storia legando fra loro elementi casuali. Prima di scoprire i dadi usavo il wikizionario e premevo 5 o 6 volte il link a una pagina a caso.
Perché è importante?
È importante perché tira fuori la voglia di fare più ancora della creatività. È un gioco quindi una cosa facile. Non avete voglia di scrivere? Lanciate 4 o 5 volte i dadi e pensate alla storia che li lega e il desiderio di mettervi a scrivere arriva. Sembra sciocco vero? Provate e mi saprete dire.


Calendario dei lavori
Ed eccoci all'elemento più importante, il calendario dei lavori da fare, degli obiettivi.
Io ho un calendario sullo smartphone ma tornerò ad uno cartaceo perché funziona meglio, in cui scrivo i concorsi a cui voglio partecipare, le raccolte a cui voglio mandare un racconto, le date in cui voglio far uscire un articolo, le persone che voglio contattare, le presentazioni a cui voglio partecipare e elementi simili.
Ogni giorno, o quasi, prendo il calendario e partendo dall'evento più lontano li rileggo tutti fino al primo, il più vicino a me.
Con il cartaceo si può passare il dito sopra l'evento e secondo me è ancora più 'potente' come azione.
A cosa serve?
Serve a focalizzare il nostro cervello, il subconscio, verso quell'evento.
Ormai sappiamo tutti che la ripetizione e la visualizzazione sono gli strumenti migliore per fissare un obiettivo nella nostra mente. Questo è il modo.
Sembra una cosa banale e inutile ma posso assicurarvi che dopo 5 o 6 mesi che lo fate, e lo fate ogni giorno funziona, funziona a meraviglia.
Perché è importante?
Perché siamo scrittori e viviamo di eventi e obiettivi, se non siamo in grado di individuare, focalizzare il nostro lavoro e raggiungere i nostri obiettivi nelle date previste è inutile continuare a scrivere (a meno di non farlo per puro piacere personale e senza finalità altre).


Ok, interessanti. Quale devo fare di questi?

Ecco, no, non ci siamo capiti.
Il concetto è tutto o niente.
Se li fate tutti e li fate con metodo, ogni giorno (vi concedo la domenica di libertà) posso assicurarvi risultati interessanti.
Se ne fate una parte o li fate a caso quando vi ricordate non accadrà nulla.
O meglio ancora, otterrete l'effetto contrario.



Un ultimo dettaglio.
Quanto tempo potrebbe portarvi via fare gli esercizi qui sopra?
Tantissimo, troppo, una infinità?
Io ci metto in totale da 5 a 15 minuti al giorno (il tempo maggiore lo passo sul calendario).
Potete farcela!




Se decidete di farli fatevi una promessa, promettete a voi stessi di farli per almeno due mesi di seguito e mantenete la promessa.
Al termine dei due mesi potete mandarmi una email di ringraziamento. ^___^


E voi quali esercizi fate per aumentare la vostra creatività?



P.S. L'immagine di testa è presa da clipartpanda tutte le altre arrivano da openclipart tranne quella dei dadi che arriva da Rory's Story Cubes

4 commenti:

  1. Grazie Max avevo proprio bisogno di qualcosa di questo genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te
      Fammi sapere come funziona e dimmi se hai bisogno di altri esercizi.
      ^___^

      Elimina
    2. Mi chiedo solo come mai il calendario lo fai passare dall evento piu lontano a quello più vicino e non il contrario forse perchè ti rimane in testa l'ultimo che hai visto?

      Elimina
    3. Quello è il segreto della tecnica.
      ^___^

      Se li leggi al contrario vengono 'caricati' in memoria nell'ordine corretto e ti resta l'impressione giusta di ordine delle cose.

      Quasi tutti fanno il contrario e resta sempre l'impressione di avere un sacco di tempo per fare tutto e poi falliscono gli obiettivi.

      Elimina